I contenitori di vetro sono un vero e proprio must per una cucina ecosostenibile. Sono pratici da usare, resistenti nel tempo e, ammettiamolo, pure belli da sfoggiare. Ottimi sia per mantenere freschi i cibi in frigo o freezer che per tenere cibi secchi nelle mensole. Non solo, sono una vera chicca nello ZeroWaste perché non è necessario comprarli ma si possono riutilizzare quelli di salse, verdure sottolio, marmellate ecc…

Personalmente io li adoro! Ho una mensola nella cucina dove li sfoggio con orgoglio, all’interno di metto di tutto: pasta, riso, legumi vari, semi, biscotti e chi più ne ha più ne metta. Da quando sono nella casa nuova non mi è mai passato per l’anticamera del cervello di comprare dei contenitori di plastica, neanche per andare a lavoro. Ho notato che da quando uso solo il vetro i cibi restano molto più freschi, il gusto non cambia, i barattoli inoltre sono molto più facili da lavare (soprattutto dall’olio) e non devo aprirli tutti per vedere cosa c’è dentro: tanto sono tutti trasparenti. L’unico punto debole è forse la fragilità ma con un minimo di attenzione si possono evitare disastri, lo assicuro io che sono una grandissima sbadata!

Anche la mia schiscetta è in vetro. La tengo dentro una tipica borsa frigo da lavoro e nonostante alcune cadute e la mia poca cura non gli è mai successo niente! Anche ai pic-nip porto tanti vasetti di vetro per hummus, carote o riso freddo e ancora non mi è mai successo di rompere niente, giuro!

Quindi, visto il mio dichiarato amore per i contenitori di vetro volevo rispondere ad alcune classiche domande al riguardo.

Perché scegliere barattoli di vetro?

Come detto precedentemente, sono tantissimi i motivi per scegliere il vetro, tra cui:

  • Mantengono meglio il gusto
  • Non rilasciano sostanze nocive all’interno
  • Resistente nel tempo
  • 100% riciclabile all’infinito
  • Riutilizzabili da altri prodotti
  • Economici

Andando meglio nel dettaglio. Il vetro è un materiale che non richiede additivi per mantenere la qualità del tuo cibo. Tra le sue caratteristiche: è resistente e non permette e niente e nessuno di entrare nel tuo barattolo (se ben chiuso) se non la naturale freschezza del frigo. La sua natura permette di non contaminare il contenuto con altre sostanze proteggendone il gusto originale. Ottimo da utilizzare in frigo, in freezer ma anche per cibi secchi (pasta, fagioli, lenticchie, ceci, semi…)

Il vetro inoltre, a differenza della plastica, non rilascia sostanze nocive, neanche in casi di temperature molto alte o molto basse. Mantenere il proprio cibo all’interno di contenitori di vetro, quindi, ti permette di conservare i cibi in maniera più sicura. Non solo, è anche un materiale davvero resistente che può durare per anni, se non secoli, basta averne la giusta cura.

Un’ottimo motivo per convertirsi al vetro è anche dovuta alla sua capacità di essere riciclato all’infinito! E no, non sto esagerando, il vetro è 100% riciclabile e quindi può andare avanti ALL’INFINITO. A differenza della plastica che può essere riciclata in minima parte, se hai vuoi approfondire l’argomento di consiglio di leggere il mio articolo “Tanto lo riciclo! Ne sei proprio sicuro?”. Questo ci permette di sentirci un po’ meglio quando lo buttiamo nella spazzatura in caso di necessità (sempre che sia nel cassonetto giusto).

Barattolo di vetro in foto con sfondo bianco

Dove trovarli?

I barattoli di vetro sono una soluzione davvero economica. Per chi, come me, preferisce non comprarne di nuovi ma di collezionarli da barattoli del supermercato contenenti sughi e sott’olio, il prezzo è praticamente zero. Ottimo per mettere in pratico il concetto del “riutilizzo”.

Per chi invece preferisce di comprarne di nuovo, magari tutti dello stesso genere per motivi estetici, ci sono tantissime soluzioni alla portata di tutti. Ci terrei però a suggerire di fare prima un salto nella mansarda della mamma o nonna per verificare che non ci siano già vasetti in circolazione, cosa molto probabile se si tratta di case dentro il confine italiano 🙂

Cosa metterci dentro?

Semplice: tutto quello che vuoi!

Cibi per il freezer? Certo! Avanzi per il frigo? Ovvio! Scorte di legumi? Yaap! Pasta e altri prodotti comprati in bulk? Assolutamente sì!

I contenitori di vetro sono ottimi per tutto, l’unico limite è la dimensione.

Il vetro è un ottimo materiale da sostituire alla plastica. Se questo fosse il tuo obiettivo ti do qualche altro suggerimento nel mio articolo “Come ridurre il consumo di plastica”.

Come lavarli?

Come ti è più comodo. A mano se hai timore che si rompa ma anche nella lavastoviglie va benissimo, purché si faccia attenzione che non venga percosso troppo durante il lavaggio, rischiandone la rottura.

Va bene un rapido risciacquo con acqua fredda se il contenuto era qualcosa di secco e poco unto. Per i fissati del pulito, come me, va benissimo con acqua calda per togliere olio o qualsiasi cosa difficile da togliere. A differenza della plastica sono molto più facili da lavare e non mantengono quella oleosità che invece trattiene la plastica (e che io trovo insopportabile).


Ti è piaciuto il mio articolo? Fammelo sapere nei commenti!